Perché è meglio investire in un freelance rispetto ad un dipendente

Paragrafi

Senza dubbio, dall’arrivo dei Millennials, i social media hanno preso il sopravvento. Non solo, ad esempio detrazioni fiscali a regime forfettario per sviluppatori ed altri specialisti del web. C’è un mondo di motivi che spingono verso la digitalizzazione del lavoro. Inoltre, a tutto questo si aggiungono i vantaggi derivanti dalle nuove tecnologie. Vediamo insieme alcuni di questi motivi più in profondità.

Perché è importante per una azienda investire in un social media manager?

Come si sa, un azienda deve fatturare il più possibile. Eppure, maggiori guadagni non arrivano a chi non osa. Non a caso, il pubblico si annoia velocemente. Va conquistato continuamente. In altre parole, bisogna sempre rimanere sulla cresta dell’onda e saperla cavalcare.

Per questo motivo, nuove figure professionali aiutano gli imprenditori a fare proprio questo. Un social media manager va oltre il social marketing e la pubblicità. Infatti, queste strategie fanno parte integrante del piano di marketing online che tutti dovrebbero avere. Al cui centro, troviamo i social media. Questi ultimi riguardano le persone, le conversazioni e lo sviluppo di contatti derivanti da tali relazioni. In parole povere, più vendite.

Una figura professionale del genere pone le domande giuste. In aggiunta, come vedremo nel seguente esempio detrazioni fiscali, assumere un freelance aiuta l’azienda.  A questi vantaggi si aggiunge un alto livello di specializzazione. Infatti, un freelance si aggiorna continuamente. Cioè, può far evitare ulteriori costi di aggiornamento del personale dipendente. D’altra parte, il contratto di un freelance permette molta più flessibilità.

Quali detrazioni fiscali hai? Un esempio detrazioni fiscali alla portata di tutti

Con la legge di bilancio 2020, ai freelance spetta il Regime Forfettario con condizioni agevolate sotto i 65.000 euro di fatturato annui. Certo, ci sono delle condizioni. Tuttavia, nel peggiore dei casi l’imposta sostitutiva è del 15%. Quindi, ecco un esempio detrazioni fiscali per codici Ateco interessati.

Un disegnatore tecnico che all’anno fattura 25.000 euro calcola il reddito imponibile con un coefficiente del 78%. Ai 19.500 euro, si applica il 15% di aliquota sostitutiva. Quindi, 2.925 più l’imposta fissa di 3.840 e la differenza con il minimale, 851,28. A questo, si aggiunge la riduzione del 35% dei contributi per chi ne ha i contributi. Totale con riduzione: 5.974,33. Ovvero, 2.925 + ((3.840 + 851,28) – 35%).

Per l’azienda che assume un freelance, le prestazioni di collaborazione si possono scaricare. Pertanto, i professionisti sono agevolati ed invogliati a prestare servizio. Così, le aziende scaricano stipendi, contributi e quant’altro del collaboratore. Sempre stando attenti a non superare la soglia. Però, avvantaggiandosi anche del poter scegliere più professionisti.

Conclusione

Precedentemente, abbiamo visto la necessità delle aziende di adattarsi ad una politica di Design for all. Per una azienda, poter collaborare con un freelance è diventato un modo per sopravvivere alle novità tecnologiche.

Il vecchio lavoro dipendente sta scomparendo perché il mondo è cambiato. Al suo posto, arrivano i contratti aziendali che portano in azienda dei professionisti. Ad esempio, un social media manager ci aiuta a massimizzare i nostri social. In altre parole, curano la nostra vetrina online.

Come abbiamo visto nell’esempio detrazioni fiscali fortnito, i freelance possono godere di diversi vantaggi. Anzi, i vantaggi aumentano per i nuovi professionisti che soddisfano certi requisiti. In altre parole, i freelance non scompariranno presto. Ma soprattutto, offrono mano d’opera altamente specializzata per far risparmiare tempo agli imprenditori.

CONDIVIDI QUESTO POST

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest

Inserisci il tuo nome, il tuo indirizzo email e il tuo telefono per essere ricontattato e ottenere una consulenza GRATUITA

- Odiamo lo spam -

Inserisci il tuo nome e il tuo indirizzo email per rimanere aggiornato sui prossimi articoli

- Odiamo lo spam -